Acqualagna (PU): alla corte di sua maestà il tartufo

Acqualagna, 54° Fiera del Tartufo

testi e foto di Antonella Pino d’Astore

Sotto la quercia roverella, nell’habitat ideale dell’arco appenninico delle Marche, è nero, bianco pregiato, bianchetto, nero estivo, moscato: sua maestà il Tartufo, nasce e cresce nella terra e arriva come una sinfonia sulle nostre tavole.

Acqualagna, 54° Fiera del Tartufo

 

Nel 1800, Gioacchino Rossini, il grande compositore pesarese, diceva: “Ho pianto tre volte nella mia vita: quando mi fischiarono la prima opera, quando sentii suonare Paganini e quando mi cadde in acqua, durante una gita in barca, un tacchino farcito ai tartufi”. I tartufi, grandissima passione del musicista, e non solo di Rossini.

Acqualagna, 54° Fiera del Tartufo

 

Il tartufo regna sovrano ad Acqualagna, 4.500 anime, nella provincia di Pesaro-Urbino, a ridosso della Gola del Furlo, riserva naturale statale; la graziosa cittadina marchigiana è considerata la prima piazza nazionale per la vendita dell’oro nero e bianco e vanta una secolare tradizione di ricerca, produzione e commercializzazione.

Il Tartufo di Acqualagna

 

In autunno ospita la Fiera del Tartufo, giunta alla 54° edizione, evento che si conferma luogo d’incontro privilegiato nazionale per la promozione del prezioso prodotto.

Ogni anno un quantitativo di tartufo che oscilla tra i 600 e i 700 quintali è pronto ad invadere le tavole di tutto il mondo.

Acqualagna, 54° Fiera del Tartufo

 

Il profumo del tartufo invade Piazza Enrico Mattei dove vengono allestiti gli stand: oltre 5.000 mq dove assaggiare e acquistare le produzioni legate al tartufo tipiche del territorio e le eccellenze gastronomiche delle altre regioni italiane.

show cooking Sartini (ospite dell’evento Neri Marcorè)

 

L’edizione di quest’anno ha offerto più di 50 eventi tra cooking show, performance gastronomiche, premi, incontri culturali, spettacoli e concerti.

sformatino di passatelli con formaggio di fossa (Chef Sartini)

 

La Fiera del Tartufo offre un comodo “Salotto da Gustare”: in questa location si alternano chef stellati con i loro cooking show. Come dimenticare prelibatezze a base di tartufo? Ad esempio lo sformatino di passatelli al formaggio di fossa con tartufo bianco, cardi e salsa di noci, la ricetta di Luigi Sartini, Ristorante Righi (San Marino) – 1 stella Michelin, cresciuto alla corte di Gualtiero Marchesi.

degustazioni della DOC Bianchello del Metauro

 

Questo concerto di musica per il palato e per i sensi, è sublimato da un’altra eccellenza del gusto, il vino, che bene si sposa con sua maestà il tartufo.

Bianchello d’Autore

La tensostruttura della Fiera ospita “Enoteca d’Autore”, in collaborazione con Bianchello d’Autore: degustazioni della DOC Bianchello del Metauro e delle altre etichette del territorio, incontri con i produttori.

Il Museo del Tartufo, Acqualagna

Sempre in Piazza Mattei, c’è Il Museo del Tartufo di Acqualagna, Truffle Experience, che nasce per tutelare, trasmettere e valorizzare il denso sistema di relazioni antropologiche, sociali e culturali di un prodotto della terra d’eccellenza, così misterioso, così antico e così prezioso. Un percorso di scoperta dell’universo tartufo articolato in tre sezioni, ciascuna associata ad una chiave di lettura esperienziale.

Acqualagna, la cerca del tartufo

La visita ad Acqualagna si arricchisce di una esperienza unica: la cerca del tartufo con un esperto tartufaio.  Giorgio Remedia, terza generazione di una famiglia di tartufai, da bambino, andava a tartufi con il fratello e il cane, dopo aver finito i compiti. Giorgio non dimentica il suo primo tartufo nero pregiato; poi sono arrivati due tartufi record, uno nero pregiato da un chilo e 150 grammi, uno bianco di 960 grammi, quest’ultimo nel terreno di proprietà Frontino, vicino Acqualagna.

Giorgio Remedia e Lilla

Molto divertente la cerca del tartufo con Giorgio e Lilla, vivacissima cagnetta con il movimento ondulatorio del bracco e il muso del pointer: nel fantastico foliage autunnale, tra filari di carpino e di pioppi, un timido raggio di sole illumina la terra rimossa dalla ruscella. Lilla scodinzola felice e orgogliosa del ritrovamento e riceve il suo croccantino, mentre il prezioso tartufo finisce nella sacca di Giorgio.

 

La cerca del Tartufo

Turisti provenienti da tutto il mondo chiedono di vivere questa esperienza; il costo è di circa 35 euro l’ora e si va con due cani, uno più veloce e l’altro più tranquillo. Il sole tramonta ormai ed è tempo di rientrare ad Acqualagna, tra vecchi ricordi, aneddoti, e antiche ricette a base di tartufi.

 

Antonella Pino d’Astore

 

ACQUALAGNA (PU)

 

 

 

 

 

 

Per informazioni contatta il comune di Acqualagna ai seguenti indirizzi e recapiti

Piazza Mattei n° 9, 61041 Acqualagna (PU), Italia

Centralino tel. (+39) 0721 79671

Ufficio Turistico (+39) 0721 796741

Fax (+39) 0721 799044